Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Le belle (ma pericolose) strade di Roma

Le belle (ma pericolose) strade di Roma

17/02/2021

Per iniziare a parlare delle nostre strade è bene fare una piccola e veloce infarinatura sulla storia delle strade di Roma: gli antichi Romani costruirono lunghe strade per collegare le più lontane province con la capitale dell’impero e la viabilità romana costituì il più efficiente e duraturo sistema stradale dell’antichità.
Purtroppo, le strade della capitale hanno molti problemi dovuti alla malagestione delle precedenti amministrazioni e sarebbe bellissimo ad avere una viabilità stradale imponente come ai tempi dei Romani, ovviamente costruita per le esigenze del mondo moderno.
Un grandissimo problema che ormai sta dilagando nelle strade della città è quello delle buche che ormai ad ogni pioggia ricompaiono, con i conseguenti disagi che esse pongono al il traffico urbano e a tutti i cittadini.
Questo grave problema si vede soprattutto nelle periferie delle città e nei quartieri più “sperduti” della capitale. Anche se bisognerebbe trattare ogni zona allo stesso modo in periferia, oltre ai problemi delle buche, si verificano anche casi di strisce pedonali scolorite, cartelli stradali piegati o mal ridotti. Tutte ciò che ho appena elencato le ho riscontrate molto spesso in anche al centro della nostra amata città, sia ben chiaro, ma molto meno frequentemente.
Questi disservizi potrebbero esser risolti semplicemente rifacendo in modo adeguato i vari strati sottostanti al manto stradale, invece di chiudere semplicemente la buca con la bustarella di catrame.
La soluzione sarebbe applicare anche per le strade cittadine il comportamento virtuoso tenuto dalle aziende autostradali: analisi del fondo e relativa ingegnerizzazione del manto stradale, rilievi periodici e preventivi delle infiltrazioni e riparazioni efficaci nel lungo termine.
Fortunatamente durante la prima chiusura di marzo si è provvisto al rifacimento di molte strade, cosa che purtroppo non risolve ancora il problema in tutta la città. Speriamo che nel corso degli anni si possa giungere finalmente ad una soluzione.

Lorenzo Agnusdei

Parigi sospende i voli domestici

Sabato 11 aprile l’Assemblée Nationale ha adottato in prima lettura una delle misure cardine del progetto ambientalista del Governo tramite il quale Parigi punta a ridurre di almeno il 40% – rispetto ai livelli del 1990 – le emissioni di CO2, entro il 2030. Questa consiste nella cancellazione dei voli domestici (interni al Paese) nel caso in cui la stessa tratta possa essere coperta da un treno la cui durata non superi le due ore e mezza … LeggiParigi sospende i voli domestici

Giovani innovazioni

L’anno scorso è stato svolto un sondaggio con persone di età tra i 16 e 28 anni dove è emersa una quasi totale e pericolosa mancanza di fiducia delle giovani generazioni per quanto riguardi le possibilità di “lavoro, crescita sociale, affermazione personale, stimoli” che suona come un severo atto di accusa “contro l’eterna cronica mancanza di adeguate politiche giovanili a Roma e nel resto del Paese”. … LeggiGiovani innovazioni

Un gioco di scacchi

Il 26 febbraio il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha ordinato il primo bombardamento aereo in Medio Oriente dall’inizio del proprio mandato contro istallazioni occupate dalle milizie Hezbollah filo-irachene, facenti parte dell’alleanza costruita dall’Iran per combattere le forze dell’Isis in Siria. … LeggiUn gioco di scacchi